Logo del catasto forre AICLogo di AIC-WikiInfoCanyon by AICLogo canale AIC TV su You TubeLogo di AIC-Facebook

InfoCanyon by AIC
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ] Privacy e cookie ]
 Tutti i Forum
 INFOCANYON - ITALIA
 Calabria
 Grimavolo-Raganello : un grande canyon in europa (

Nota: Devi essere registrato per poter inserire un messaggio.
Per registrarti, clicca qui. La Registrazione è semplice e gratuita!

Larghezza finestra:
Nome Utente:
Password:
Modo:
Formato: GrassettoCorsivoSottolineatoBarrato Aggiungi Spoiler Allinea a  SinistraCentraAllinea a Destra Riga Orizzontale Inserisci linkInserisci EmailInserisci FlashInserisci Immagine Inserisci CodiceInserisci CitazioneInserisci Lista
   
Icona Messaggio:              
             
Messaggio:

  * Il codice HTML è OFF
* Il Codice Forum è ON

Faccine
Felice [:)] Davvero Felice [:D] Caldo [8D] Imbarazzato [:I]
Goloso [:P] Diavoletto [):] Occhiolino [;)] Clown [:o)]
Occhio Nero [B)] Palla Otto [8] Infelice [:(] Compiaciuto [8)]
Scioccato [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Bacio [:X] Approvazione [^] Disapprovazione [V] Domanda [?]
Seleziona altre faccine

   Allega file
  Clicca qui per sottoscrivere questa Discussione.
   

V I S U A L I Z Z A    D I S C U S S I O N E
caracal Inserito il - 05 novembre 2007 : 11:24:26
3 volte siamo andati nel massiccio di Pollino per fare Grimavolo-Raganello.[/ b] La prima volta mezzo torre perch? era la fusione delle nevi. Seconda volta, si si gourre di acc?s e si fanno: Gole del Barile-Raganello. Tr?s bella discesa realizzata nelle 10 con 60 m di corda nella schiena mentre non ha non ci vait bisogno di corda: evil:.

Al terzo tentativo con Eric Fr?zal che ha tradotto la scheda di Antonini noi l'ha fatto. E.... era una vera discesa di livello europeo. Anche se la seconda partita da Grimavolo era a secco, abbiamo incatenato [b]23 richiami [/ b]d'affil? di cui pi? alto ? di 60m. La roccia ? scolpita superbamente nelle grandi cascate toboghe. L'arrivo in Raganello ? grandioso. Apr?s abbiamo incatenato sulla 4 di rando acquatico, a li ha

L'arrivo in Raganello ? grandioso. Apr?s abbiamo incatenato sulla 4 di rando acquatico, agli ambienti unici. Vi unisco la scheda in francese :-(


[b]Jacca del Grimavolo



3 s?jours avant de trouver. Un encha?nement unique de verticales, bien sculpt?es et encaiss?s (A la consusa ou imberguet). La course devient exceptionnelle si vous l?encha?nez avec le Raganello. Au 23 rappels pr?c?dent vous ajouterez une partie horizontale et aquatique avec des encaissements de toute beaut?. Malgr? la fatigue et l?investissement physique, apr?s 8h de descentes vous aurez parcouru un des plus beaux canyon d?Europe.




Fiche Technique

Pays Italie
R?gion Calabre
D?partem.
Commune Civita
Bassin
Alti D?p.
901 m
D?nivel?
451 m
Longueur
600 m
Casc. max
61 m
Corde(*)
2x65 m
Approche
30 mn
Descente
4-5 h + 4 - 5 h
Retour
5 mn par le ponte diavolo
Navette
Oui, conseill?e 11 km
Cotation

Roche
Calcaire
Int?r?t 3.5 /4 l'ensemble (Grimavolo ? sec 3/4)

* : indication sur le minimum de corde en simple. Pr?voir le rappel de corde, la corde de secours, de quoi faire face aux impr?vus, etc...

Fiche descriptive

Acc?s aval si vous descendez le Raganello(Fin au ponte del Diavolo) :

Sortez ? Frascineto et suivez Civita. Sur la place du village prendre en face de vous, la voie entre le Tabachi et le magasin d?alimentation. Suivez le bas du village. Au panneau du ponte del Diavolo (pont du diable) empruntez ? droite la route b?tonn?e tr?s raide jusqu?au parking du bas !

Acc?s aval si vous remontez le Raganello :

De civita retournez sur la nationale et prenez ? gauche vers Francavilla Marittima. Suivez ensuite Cerchiara di Calabria. Profitez en pour observer le magnifique encaissement du Caldanello, probablement un des plus beaux d?Italie du sud. Malheureusement vous n?y mettrez pas les pieds, non pas que la loi vous l?interdit mais parce que les eaux sont tellement pollu?es que vous ferez demi tour aussit?t. De Cerchiara continuez vers San Lorenzo Bellizzi. Traversez le village vers le parking am?nag? (pr?sence de poubelles). Prenez alors la petite route ? gauche peu visible. Elle descend rapidement vers le fleuve. Apr?s xxxx km (voir feuille r?cidive) prenez la branche du bas. Garez vous lorsque le goudron dispara?t ? proximit? d?une maison (Attention aux chiens) et au-dessus d?une aire de Pique Nique. On voit tr?s bien la digue en contre-bas. Cette option est tr?s longue (1h de route(V?rifier tomtom)

Acc?s amont :

Du parking aval retournez sur vos pas. Apr?s le cimeti?re, prenez ? droite la route pour la pizz?ria Pino Loricato et l?aire de pique nique (1200m apr?s la route b?tonn?e) (Civita route b?ton 96,7, Carref 98,1). Du carrefour comptez exactement 9,1 km ou 4,6 km depuis l?aire du pique nique et garez-vous ? droite sur un large parking. Il n?y a pas d?autres points caract?ristiques. Si vous arrivez au col avec le panneau CEA c?est que Vous vous ?tre tromp?, le parking est 1,6 km avant.

Approche :

Du parking part une ancienne piste. Descendez l? jusqu?au bout et continuez dans les champs. Sur l??peron vous voyez ? gauche le verrou rocheux. Afin d??viter les genets passez ? droite en vous dirigeant vers les ruines. Traversez ? gauche vers le ruisseau. Le coupe-coupe peut-?tre utile sur cette derni?re partie.

Descente :

La descente commence tout de suite par une partie encaiss?e avec de petits obstacles qui pour certains sont ludiques. Les rappels prennent de l?ampleur et on descend de belles cascades toboggans bien sculpt?es. Lorsque le canyon se r?ouvre l?eau peut venir ? dispara?tre selon le d?bit. Dans les encaissements qui suivent une vasque peut alors poser probl?me si elle se vide enti?rement. Il faut passer RG. La section se termine par deux 35 m. Le canyon s?ouvre sur le raganello. La vue est impressionnante. Le premier rappel de 60 m est tr?s beau, mais il faut bien g?rer le frottement de d?part. La derni?re section sur les dalles est moins int?ressante en terme de creusement. On acc?de ? la cascade de 67 m par un premier rappel ou on va chercher deux points peu visibles RD. De l? on descend au seuil du dessous et on fait le dernier rappel jusque dans le Raganello.

Sortie : On arrive dans une partie ?troite du Raganello ce qui oblige ? bien g?rer le d?bit en d?but de saison. S?il est tr?s important il faut le remonter. Les 15 premiers m?tres posent probl?mes ? cause d?un petit bief. Ensuite il faut escalader des blocs et passer un court verrou. On ?vite l?encaissement avec la digue en sortant RG o? sur la cr?te on retrouve une petite sente qui monte jusqu?? l?aire de pique nique.

Si le Raganello est assez bas, suivez le pendant environ 4 h jusqu?au pont du diable.

Engagement : tr?s fort. Pas d??chappatoires. Chute de pierre s?il y a du vent

caract?re aquatique : Le Grimavolo a peu d?eau. Il est ? sec d?s fin juin. Mais, il faut bien ?valuer le niveau d?eau du Raganello. On peut le descendre selon les ann?es d?s le mois de juin en fonction de votre niveau. M?me si vous pr?voyez de remonter vers San Lorenzo de Bellizi le d?bit doit ?tre bien ?valu?.

P?riode : Mi avril ? Juin et Octobre apr?s les pluies (selon d?bit du Raganello)

Equipement : Acceptable, mais sur vieux spits. Les sangles doivent ?tre chang?es.

[url=http://img165.imageshack.us/my.php?image=dsc03742qc5.jpg][/url]

[url=http://img488.imageshack.us/my.php?image=pa310151hu0.jpg][/url]

[url=http://img488.imageshack.us/my.php?image=pa310156wo7.jpg][/url]
Arriv?e sur le Raganello ? l'air libre ;-)
[url=http://img165.imageshack.us/my.php?image=pa310167ps2.jpg][/url]

M?me le 31 octobre il fait chaud ;-)
[url=http://img206.imageshack.us/my.php?image=dsc03759hh0.jpg][/url]

[url=http://img488.imageshack.us/my.php?image=dsc03762tt4.jpg][/url]

[url=http://img165.imageshack.us/my.php?image=dsc03774eq6.jpg][/url]



[url=http://img488.imageshack.us/my.php?image=pa310201uq8.jpg][/url]

2 petites photos d'Alcantara en Sicile

[url=http://www.hiboox.com/lang-fr/image.php?img=bvnrtivd.jpg][/url]

[url=http://img206.imageshack.us/my.php?image=pa280072gy0.jpg][/url]

Et une derni?re de Sirina pr?s de taormina

[url=http://www.hiboox.com/lang-fr/image.php?img=9y1rfyki.jpg][/url]
20   U L T I M E    R I S P O S T E    (in alto le più recenti)
davidex Inserito il - 01 giugno 2012 : 19:16:14
Il metro di misura che generalmente adottiamo (io e Nanni, ma anche gli altri della scuola) si basa sulle capacità del meno esperto/prestante: è la prima regola di chi va in montagna portando o addestrando gruppi.
Torno sulle pietre: quelle che cadono in zona Grimavolo dalle pareti, generalmente precipitano dalle placche laterali e raggiungono direttamente il Raganello; durante tutta la discesa, nonostante l'evento meteo, nulla è caduto dalle pareti sulla forra; infatti la vegetazione cespugluiosa trattiene bene le pietre, ancorandole al suolo.Mentre sulle placche laterali cade di tutto. Paradossalmente la caduta pietre è più sensibile in piena estate, con la dilatazione termica della roccia, che tende a frantumarla.Viceversa, dopo l'inverno o una primavera piovosa, vengono bonificate naturalmente, almeno per un po'.Questo, ovviamente, in senso generale.
michele Inserito il - 01 giugno 2012 : 12:13:28
davidex ha scritto:

La decisione è maturata dopo l'osservazione di alcuni elementi spia: (...)le grandi placche a sx del Grimavol , distanti poche centinaia di metri da noi, scaricavano ruscelli di circa 20 lt/secondo, alimentati da qualche ettaro di superficie inclinata. Tutto scaricava o grondava, fuorchè il Grimavolo che, nonostante abbia un bacino non particolarmente esteso, aveva incrementato visibilmente la portata solo di pochi litri.In pratica, ci si poteva aspettare un ritardo della piena...


E qui i complimenti ci stanno tutti. Hai dato prova della differenza che passa tra chi va in montagna e chi è un "animale di montagna". Praticamente hai "annusato" la piena da lontano!!


davidex ha scritto:
Nonostante questo,si è trattato di una piena normale


Sufficiente ad ammazzare qualcuno.
Abbiamo discusso diverse volte su questo: secondo me fai l'errore di considerare te stesso come unità di misura dell'abilità torrentistica. Il torrentista medio sta a un livello molto, molto inferiore.

davidex ha scritto:
I sassi, comunque, non si sono visti


Parlavo dei sassi che cadono dalle pareti. Ne parla Nanni nel suo post.

davidex ha scritto:
Rimane il fatto che le previsioni parlavano di pioggie che bagnano il parabrezza dell'auto, mntre noi ci siamo trovati nel bel mezzo di un temporale che, poco distante, ha sorpreso gente in una grotta.


La valutazione delle previsioni meteo è un'altra delle abilità richieste a chi va in forra ...

davidex ha scritto:
Aggiungo alcune considerazioni: siamo scesi nel Grimavolo sapendo che avremmo trovato la teleferica prudentemente allestita da Nanni, on le corde per uscire sul lato opposto; in pratica avevamo preso le nostre precauzioni.


Sono assolutamente convinto di ciò.

davidex ha scritto:
Poi, le forre piace scenderle con l'acqua: fa parte delle regole del gioco.


In genere è così. Ci sono però forre dove la presenza dell'acqua aumenta le rotture di palle (muta, scivolosità, ...) senza aggiungere bellezza alla discesa. Ho presente delle forre normalmente secche, che se hanno acqua si tratta di una roba torbida o marroncina, davvero spiacevole. Sulla maggiore bellezza del Grimavolo con l'acqua ho qualche dubbio, sebbene ritengo tu possa avere ragione. Ho qualche dubbio perché se anche c'è un po' d'acqua il Grimavolo non mi pare possa diventare una "forra acquatica", avendo un carattere squisitamente verticale. D'estate lo scendi in pantaloncini e maglietta, e non è male.

davidex ha scritto:
Infine, il Grimavolo è molto interessante se disceso con un buon scorrimento: questo non vuol dire rischiare. Infatti, due anni fa lo scendemmo con la medesima portata, trovando il Raganello tranquillamente percorribile.


Si parla di rischio proprio perché puoi trovare il Raganello percorribile ma puoi anche trovarlo impraticabile. Viceversa si parlerebbe di certezza.

davidex ha scritto:
E' come se uno scialpinista volesse fare le sue discese senza rischiare una valanga: utopia...


Su questo sono assolutamente d'accordo: l'unico modo per evitare del tutto i rischi è restarsene a casa.

Michele
http://www.micheleangileri.com/canyoning
Matly Inserito il - 31 maggio 2012 : 22:44:51
A conferma di quanto scritto da davidex , gli ancoraggi ieri erano in condizioni buone, nessun segno di sassate o cordini distrutti, lo scorrimento si aggirava intorno ai 20 l/s e l'acqua era cristallina, tanto da scorgere il fondo in alcune vasche.
Il raganello non portava piu' di 300 l/s. Sembrava che non era successo niente

Sbagliando siamo entrati un km a monte dell'ingresso classico del grimavolo e vi assicuro , al contrario della forra, che li' si vedevanio i segni della piena, larga sul greto anche 7 metri e numeroso segni di frana, impressionante

Rimane comunque una forra bellissima incastonata in una gola stupenda!

Complimenti a Nanni per la creazione della via d'uscita , credo tra tutte quelle del Grimavolo sia la piu' veloce 30 minuti dal raganello alla masseria



Francesco Berti
www.vertiginisport.com
SpeleoCanyon Stroncone
davidex Inserito il - 31 maggio 2012 : 22:00:11
La piena al Grimavolo era di dimensioni normali, circa 15 volte la portata con cui siamo entrati.Non abbiamo proseguito anche dopo che era cessato di piovere perchè ci saremmo impegnati in una zona, quella delle grandi verticali, sostanzialmente priva di scampo in caso di piena. La decisione è maturata dopo l'osservazione di alcuni elementi spia: il Raganello era andato in piena, con circa 3 metricubi di portata; i canali affluenti sulla sinistra del Raganello erano torrenti limacciosi gonfi di fango; le grandi placche a sx del Grimavol , distanti poche centinaia di metri da noi, scaricavano ruscelli di circa 20 lt/secondo, alimentati da qualche ettaro di superficie inclinata. Tutto scaricava o grondava, fuorchè il Grimavolo che, nonostante abbia un bacino non particolarmente esteso, aveva incrementato visibilmente la portata solo di pochi litri.In pratica, ci si poteva aspettare un ritardo della piena...che è arrivata.Nonostante questo,si è trattato di una piena normale, non distruttiva: con questo termine intendo un'onda di quelle che si allontanano di qualche metro dalla verticale delle cascate, portando con sè sassi e tronchi.Si è dunque trattato di un fenomeno nella norma, sebbene pericoloso.I sassi, comunque, non si sono visti ed il motivo è semplice: la piena è entrata in forra senza quella portata capace di portare in sospensione le grandi pietre; in questo modo tutto il carico solido fatto di sassi, è stato filtrato dalle vasche nella sezione alta della forra, le quali hanno trattenuto sul fondo i sassi.Diverso sarebbe stato se non ci fossero state le vasche a trattenere...
Rimane il fatto che le previsioni parlavano di pioggie che bagnano il parabrezza dell'auto, mntre noi ci siamo trovati nel bel mezzo di un temporale che, poco distante, ha sorpreso gente in una grotta.
Aggiungo alcune considerazioni: siamo scesi nel Grimavolo sapendo che avremmo trovato la teleferica prudentemente allestita da Nanni, on le corde per uscire sul lato opposto; in pratica avevamo preso le nostre precauzioni.
Infine, il Grimavolo è molto interessante se disceso con un buon scorrimento: questo non vuol dire rischiare. Infatti, due anni fa lo scendemmo con la medesima portata, trovando il Raganello tranquillamente percorribile.
Quello che ci ha sorpreso davvero era la previsione meteo errata.
Poi, le forre piace scenderle con l'acqua: fa parte delle regole del gioco.
E' come se uno scialpinista volesse fare le sue discese senza rischiare una valanga: utopia...
skeno69 Inserito il - 31 maggio 2012 : 11:49:10
A parte tutti i discorsi sulla prevenzione (su cui siamo tutti d'accordo ma con applicazioni pratiche diversissime) mi concentrerei sulla "ripartenza".

Dobbiamo imparare a non ripartire appena smette di piovere, come ha giustamente valutato Astigo in questo caso.
In forra non vediamo nulla di ciò che accade a monte, e questo aspetto è critico specialmente in bacini molto grossi o molto reattivi. Qua abbiamo il Raganello chè ha un bacino immenso e il Grimavolo che l'ha molto reattivo alle piogge... un bel mix.

Poi c'è il caso peggiore: che non piove neanche dove siamo noi... in quel caso zero elementi di valutazione.

Insomma... è un gran casino, ci vuole giudizio, competenza e anche un po' di culo.

Ciao
Skeno


Tapullante Inserito il - 31 maggio 2012 : 11:14:57
Dipende da che cosa uno vuole dal torrentismo.
Per quanto mi riguarda torrentismo è scendere in acqua.
E ci sono davvero poche eccezioni di forre belle secche che meritano la discesa comunque.
Il Grimavolo con una bella portata è tutto un altro pianeta. Fosse anche che per attraversare il Raganello bisogna sbattersi un pò per organizzarsi l'uscita in sicurezza.
Comunque le immagini sopra fanno molta, molta impressione, e parlare un pò di questo misterioso fenomeno, le piene, e come e quando arrivano, non fa male, anzi
Sono rimasto molto colpito dall' "orario"
m
michele Inserito il - 31 maggio 2012 : 10:14:18
davidex ha scritto:

Ecco alcune immagini della piena, prima (foto di Roberto De Marco) e durante l'evento:l'acqua scendeva ad ondate.


Anni fa, quando il torrentismo in Italia muoveva i primi passi organizzati, erano in pochi ad immaginare quello che poi è stato confermato da numerose osservazioni: le piene arrivano a onde.
L'acqua che cade dal cielo "dopo" si muove su quella caduta "prima", e dunque va più veloce perché si muove sopra qualcosa che già si muove. Le cascate accentuano questo meccanismo, perché arrestano per un istante la corsa dell'acqua caduta "prima" dando tempo all'acqua caduta "dopo" di raggiungerla. Il risultato di tutto ciò è l'onda di piena, che può essere enorme, come testimoniato dai rami incastrati sulle pareti ad altezze impensabili.
Inoltre, se il bacino è ampio e il torrente è lungo, una piena del genere arriva anche dove non ha piovuto per niente.

Questa vostra esperienza, superabile senza danni e in autonomia solo da gente molto molto preparata e anche un po' fortunata (non c'è preparazione che possa far evitare la caduta di un sasso o di una frana messi in moto dalla pioggia, soprattutto in un luogo molto franoso come il Raganello e i suoi affluenti; e un errore di valutazione sui tempi e i modi è comunque possibile anche per i più esperti) deve insegnare due cose a tutti.

La prima è ovvia: se c'è instabilità atmosferica bisogna rinunciare, anche se 19 volte su 20 sarebbe andata bene lo stesso. Meglio non fare troppo affidamento sulle previsioni meteo.

La seconda non è ovvia, e riguarda nello specifico il Grimavolo. Da un po' di anni questa gola sta conoscendo una meritata fama. Siccome però un torrente con l'acqua è più bello di un torrente senza acqua ecco che la gente cerca di andarci quando c'è scorrimento idrico, cioè in primavera, allo scioglimento delle nevi. Però il Grimavolo ha un bacino di alimentazione molto piccolo, e termina nel canyon di un torrente (il Raganello) che ha invece un bacino molto grande. Quando il Grimavolo ha acqua il Raganello è in piena. L'acqua del Grimavolo è comunque poca, come documenta la prima foto postata da Pino "davidex", e cessa in pochi giorni dalla fine delle piogge.
Mi chiedo: vale la pena? Il rischio complessivo che si corre scendendo il Grimavolo in una stagione piovosa sommato ai rischi che derivano dall'affrontare un Raganello in piena primaverile (che magari è diverso dall'anno prima perché una frana, una delle tante, ha portato un masso dove prima non c'era) vale la maggiore bellezza della discesa? O piuttosto non è meglio "accontentarsi" (si fa per dire: è comunque una discesa grandiosa!) delle condizioni normali del Grimavolo, in cui c'è un po' di scorrimento nella prima parte mentre la seconda parte rimane asciutta?

Queste considerazioni valgono anche per gli altri affluenti del Raganello (Nocilli, Caccavo, Mancosa), anzi valgono ancora DI PIÙ. Mi sono state chieste in passato informazioni e consigli per scendere gli affluenti del Raganello in condizioni idriche. Ho sempre risposto: lasciate perdere. È l'unica risposta che va bene per tutti. La gente eccezionalmente preparata e capace (che può permettersi di pianificare una discesa del genere e riportare a casa la pelle) rappresenta appunto un'eccezione alla regola, e il torrentismo (non prendiamoci in giro) rimane comunque un'attività alpinistica caratterizzata dall'affrontare rischi via via più alti, dalla ricerca del limite.

Michele
http://www.micheleangileri.com/canyoning
davidex Inserito il - 31 maggio 2012 : 06:42:07
Ecco alcune immagini della piena, prima (foto di Roberto De Marco) e durante l'evento:l'acqua scendeva ad ondate.Le decisioni sono state prese insieme.Molto importante in queste situazioni è...mantenere la calma.
Per avere un'idea della portata, si pensi che la cascata è di 25 mt circa.

Immagine:

122,78 KB

Immagine:

189,83 KB

Immagine:

223,54 KB

Immagine:

165,09 KB

Immagine:

37,65 KB

Immagine:

189,83 KB
forzaparis Inserito il - 31 maggio 2012 : 00:21:49


guidob
Pizzorni Giovanni Inserito il - 30 maggio 2012 : 20:53:07
Salve a tutti,
parlo ancora di Grimavolo.
Sabato scorso ero di nuovo in questa fantastica forra per una discesa di formazione per la squadra forre del CNSAS del Pollino (Calabria e Basilicata)
Di buon mattino siamo entrati in 16 persone con barella. 13 volontari + il sottoscritto, Astigo e Gigliola (medico rianimatore CNSAS)
Le previsioni meteo erano assolutamente in linea con quelle dei giorni precedenti: alternanza di nuvole e schiarite con scarsa probabilità di pioggia. Previsioni pienamente azzeccate nei due giorni precedenti.
Procediamo spediti e a tre salti dall'80 imbarelliamo.
Alle 13 incomincia a piovere e siamo mezza squadra sul 35 che precede l'80 e ìl'altra mezza sul 25 immediatamente sopra.
La pioggia diventa un temporale che va avanti per una ora e mezza.
Prudenzialmente blocchiamo la manovra e diamo l'ordine di mettersi in posizione di sicurezza.
Procediamo al monitoraggio della forra e constatiamo che l'innalzamento dell'acqua è minimo: dai 30 l/s iniziali passiamo a 50.
Alle 14.30 smette di piovere e pensiamo che il peggio è passato.
Cominciamo i preparativi per ripartire ma, prudenzialmente, Astigo propone di aspettare ancora un po'.
Poco prima delle 15.00 un rumore sordo ci fa alzare gli occhi sulle cascate soprastanti : vediamo arrivare il muro di acqua marrone.
La portata balza di colpo a 600/700 l/s.
Siamo ,entrambe le squadre, in posizione di sicurezza e incomincia un doppio lavoro di monitoraggio del livello e una possibile ritirata sforrando. Andiamo avanti per 2 ore arrampicando in riva sin ma Astigo riesce a guadagnare solo (si fa per dire) 80m di dislivello.
Intanto l'acqua incomincia a calare.
Alle 17.00 la portata è arrivata a ca 100 l/s e decidiamo di riprendere la discesa spediti. Lasciamo la barella in cima al 25.
Il 35 che precede l'80 viene fatto in riva sn con un deviatore.
Alle 19.45 siamo tutti in fondo all'80.
Come razzi allestiamo la calata sul 25 ed evitiamo quella che precede il 60. Ci si cala su un relais in riva dx che permette di guadagnare questa riva più agevolmente. Dal relais ancora un deviatore e dopo 10m arrivo sulla teleferica sul Raganello.
Il giorno prima la teleferica sarebbe sta inutile visto che nel Raganello non c'erano più di 500 l/s.
Quando lo raggiungo intorno alle ore 21.00 e ormai al buio, ce ne sono più di 3 metri cubi!
Incominciano ad arrivare le prime persone che una volta passata la teleferica procedono alla risalita. All'inizio tutto procede bene ma poi, inevitabilmente , il ritmo delle persone che arrivano sovrasta quello di coloro che risalgono. Presto si crea un accumulo di gente sulla cengia sul Raganello e intanto ricomincia a piovere.
Lampi, pioggia e poi..temporale. Acqua che non vedi neanche davanti alla tua faccia. E sassi che fischiano giù nel Raganello.
Nonostante la corda impegnata schizzo come un missile sul secondo frazionamento, quello sull'albero, e procedo all'installazione di una seconda corda di risalita per velocizzare l'evacuazione.
Intorno alle 11.30 arriva la seconda ondata di piena ma tutti sono in posizioni di sicurezza. La risalita si protrae sino alla una di mattina: ormai il tratto superiore è una parete di fango.
Una volta radunata la squadra alla sommità delle corde fisse, procedo all'installazione di ulteriori 200m di corda per arrivare sino al pianoro sommitale.
Alle 2.30 siamo dalle auto dove ci attendono i compagni per il rientro. Si festeggia e si mangia: tutto è finito bene.
Alle 4.00 di mattina siamo a Civita.
Un grazie di cuore alla squadra che anche nei momenti peggiori ha risposto con prontezza e rigore agli ordini impartiti.
Un grazie di cuore a Luca ed Angelo che sui relais della cascata finale hanno atteso, sotto la pioggia, il passaggio di tutti i compagni.
Un grazie a Giliola perchè con la fiducia che ripone in Astigo e nel sottoscritto, ci fa sentire dei giganti.
E, infine, un grazie a Pino per la sua lungimiranza, senza la quale questo racconto sarebbe diverso.
Da anni mi onora della sua amicizia e da anni continua a stupirmi.
Finale:
Oggi Francesco Berti e compagni hanno sceso il Grimavolo e hanno recuperato la barella e la corde fisse.
Anche questo è far parte del CNSAS. Grazie ancora di cuore.
Nanni
Tapullante Inserito il - 21 maggio 2012 : 10:18:41
skeno69 Inserito il - 20 maggio 2012 : 23:02:01
Dopo soli 37 giorni Vodafone si è degnata di restituirmi la linea internet...

Ecco le foto.
https://picasaweb.google.com/108150406233782643016/Calabria2012
nikstartrek Inserito il - 09 maggio 2012 : 18:59:01
Complimenti ragazzi..... Qualche foto???
nikstartrek Inserito il - 09 maggio 2012 : 18:37:28
Complimenti ragazzi..... Qualche foto???
Pizzorni Giovanni Inserito il - 02 maggio 2012 : 20:28:12
Ola,
confermo quanto scritto da skeno: credo che il Grimavolo in queste condizioni non lo abbia mai fatto nessuno.
Anche perchè il Raganello portava più di 2 metri cubi al secondo.
(la stima, come al solito è per difetto)
Per poter realizzare la discesa del Grimavolo in queste condizioni è stata necessaria una giornata di lavoro.
1)Sceso il S.Venere con attrezzamento speleo per vedere il Raganello.
Provato a risalire per 150m e poi stoppati da cataratta insuperabile.
2)Nello stesso giorno sceso il torrentaccio che si passa per andare al
S.Venere (quello dove c'è la passerella tirata a riva)
Arrivati al Raganello rilevata la piccola arrampicata segnalata da
Alex ma nel raganello non si entra. Cataratta insuperabile a monte
e a valle. Siamo a 250m dall'arrivo del Grimavolo.
3)Risalendo l'affluente poco sopra le due cascatelle finali(50m dalla
confluenza) trovo traccia di sentiero che percorro in direzione
Grimavolo.
4)Di fronte al grimavolo mi faccio calare su ripido pendio per 50m
e trovo nuova traccia di sentiero che risalgo per ritornare alla
partenza della calata.
5)Provvediamo a segnare il sentiero fino alla masseria con ometti.
Il giorno dopo siamo di nuovo in loco con tutto il necessario.
Prima di tutto proviamo a scendere per il sentiero verso monte.
Arriviamo su balza rocciosa e scendo su corda per 25m.
Arrivo sul Raganello ma sono a 100m a monte della confluenza: due cateratte impediscono di risalire sino a questo punto.
A questo punto si passa alle maniere forti.
Mi calo direttamente di fronte all'arrivo del Grimavolo.
1)Ancoraggio su albero. 10m
2)Ancoraggio su albero. 10m
3)Ancoraggio su albero con partenza nel vuoto.20m
4)Relais in parete (Spit+fix) 10m e sono sul Raganello
Vengo raggiunto da skeno e Luca
Strategia per attraversare il Raganello in chiaro stile fluviale.
Luca è dall'altra parte.
5)Doppio ancoraggio su entrambe le sponde e la teleferica è tirata.
NB
Per raggiungere la teleferica è necessario attrezzare la calata finale da 60m in riva dx utilizzando l'ancoraggio della calata precedente e realizzando un relais in parete a metà della 60 e un deviatore a 5m dall'arrivo sul raganello
NB
Per realizzare le corde fisse per la risalita sono necessari ca 70m di corda+due placchette +due fettucce per naturali.
Attualmente la teleferica è sul posto poichè mi servirà il mese prossimo.
A disposizione per chiarimenti.
Nanni
skeno69 Inserito il - 02 maggio 2012 : 10:54:12
Sceso il solo Grimavolo il 29 aprile.
Che dire? Uno spettacolo.
Siamo scesi con una portata finora mai vista nelle foto delle altre discese e delle guide, anche se assolutamente non proibitiva.
Il problema però è uscire dal Raganello che è ancora parecchio gonfio.
Siamo usciti grazie a tutto l'ambaradan installato il giorno prima sulla riva sinistra del Raganello, esattamente di fronte alla confluenza.

Ciao
Skeno
moris Inserito il - 18 luglio 2011 : 22:55:06
il Grimavolo concatenato al Raganello ed eseguito a Metà maggio si esprime in tutto il suo splendore ed è da considerarsi forra dai contenuti tecnici importanti e scenograficamente imponente.
Specie l'ultimo salto di circa 70 mt sul raganello.
settembre52 Inserito il - 24 maggio 2011 : 07:51:22
Gran bella forra credo unica nel suo genere.

LE FOTO......


http://www.flickr.com/photos/30653099@N03/sets/72157626793080078/


Immagine:

227,1 KB


alex_desi Inserito il - 23 maggio 2011 : 13:28:36
Sceso venerdì 20 maggio 2011

Condizioni ottimali! Scorrimento 15-20 lt/s e acqua pulita.
Okkio che in ammollo in una vasca pensile c'è un cinghiale
morto. Al momento non era ancora in avanzatissimo stato
di decomposizione, ma ben presto ......

Il Raganello, se non conosciuto, fa una certa impressione.
Abbiamo stimato uno scorrimento prossimo al metro cubo/sec.,
scorrimento che non ci ha dato problemi per scendere circa 2-300
metri fino ad un affluente in riva sx, che è possibile risalire
con qualche passetto di arrampicata.

Attenzione: in queste condizioni, procedere oltre sarebbe piuttosto
pericoloso!! Probabilmente anche risalire fino alla briglia
(uscita a monte), non sarebbe proprio una passeggiata.

Alex



Immagine:

80,22 KB

Immagine:

91,54 KB

Immagine:

86,35 KB

Vasca pensile con il cinghiale:

87,63 KB

Immagine:

95,34 KB

Immagine:

84,26 KB

Affluente di sx:

93,5 KB
davidex Inserito il - 13 maggio 2010 : 15:40:36
Sceso il 7 maggio.Scorrimento minimo, circa 5 lt/sec, ma sufficiente a tenere in vita le vasche, alcune delle quali erano una vera e propria tentazione.Ma, vista l'acqua torbida, è prevalso il buon senso e non sono stati tentati salti... nel buio.
Riattrezzate alcune soste. In basso attendeva rombante il Raganello, con le sue frane ciclopiche(e fresche...).


Immagine:

117,08 KB

Immagine:

119,09 KB

Immagine:

123,68 KB

Immagine:

112,91 KB

Immagine:

132,25 KB

Immagine:

123,15 KB

Immagine:

118,55 KB

InfoCanyon by AIC © 2000-10 Snitz Communications Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,28 secondi. Herniasurgery.it | Snitz.it | Snitz Forums 2000