Logo del catasto forre AICLogo di AIC-WikiInfoCanyon by AICLogo canale AIC TV su You TubeLogo di AIC-Facebook

InfoCanyon by AIC
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ] Privacy e cookie ]
 Tutti i Forum
 CHIACCHIERE IN LIBERTA'
 Discussioni varie
 le forre del parco-bellunese

Nota: Devi essere registrato per poter inserire un messaggio.
Per registrarti, clicca qui. La Registrazione è semplice e gratuita!

Larghezza finestra:
Nome Utente:
Password:
Modo:
Formato: GrassettoCorsivoSottolineatoBarrato Aggiungi Spoiler Allinea a  SinistraCentraAllinea a Destra Riga Orizzontale Inserisci linkInserisci EmailInserisci FlashInserisci Immagine Inserisci CodiceInserisci CitazioneInserisci Lista
   
Icona Messaggio:              
             
Messaggio:

  * Il codice HTML è OFF
* Il Codice Forum è ON

Faccine
Felice [:)] Davvero Felice [:D] Caldo [8D] Imbarazzato [:I]
Goloso [:P] Diavoletto [):] Occhiolino [;)] Clown [:o)]
Occhio Nero [B)] Palla Otto [8] Infelice [:(] Compiaciuto [8)]
Scioccato [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Bacio [:X] Approvazione [^] Disapprovazione [V] Domanda [?]
Seleziona altre faccine

   Allega file
  Clicca qui per sottoscrivere questa Discussione.
   

V I S U A L I Z Z A    D I S C U S S I O N E
david Inserito il - 05 settembre 2016 : 22:42:44
ieri abbiamo sceso la soffia e ho constatato che anche qua (come in tutto il nord est )grazie alla guida di pascal e a ottime recensioni su vari siti la frequentazione sia diventata veramente notevole.giustamente aggiungerei visto la straordinaria bellezza delle forre,la loro sportività e la quantità.
per non parlare dell'ambiente selvaggio e imponente...
per anni il profilo del torrentismo nella zona e' sempre stato molto basso.i pochi torrentisti italiani che frequentavano la zona sono sempre stati estremamente rispettosi e hanno avuto mediamente un buon rapporto con gli agenti forestali tenuti a far rispettare quell'assurdo divieto di canyoning.un rapporto nel quale ,al di la della forma,è prevalso il buon senso di persone ragionevoli.

un incidente con intervento del soccorso,il comportamento irrispettoso(non piantare tende nel parco o violare l'accesso a gena alta in auto per esempio)o irriverente(tentare di prendere per il culo gli agenti dichiarando cosi fantasiose)potrebbero compromettere questo pacifico e ragionevole status quo facendo si che venga dato un giro di vite.
un invito quindi a comportamenti intelligenti e collaborativi quando ci si sposta dentro il parco.le prove di forza quando si è dalla parte del torto producano poco.......

ho purtroppo paura che data la presenza numerosa di francesi,tedeschi,austriaci,sloveni,cechi,.....tale appello cada nel vuoto e che in un futuro non troppo remoto per la legge dei grandi numeri ,in mezzo a tanta brava gente il coglione faccia il danno grosso..........
il divieto è ovviamente totalmente assurdo.
assurdo perché impedisce ,almeno ufficialmente,che venga fatto un bel lavoro di riattrezzamento e report delle belle forre della zona(procanyon???)senza impedirne la percorrenza(almeno agli stranieri).
ovviamente anche le guide vi portano i clienti....
data la tipologia di forre in nessun caso e in nessun modo si crea un danno ambientale degno di tale nome.
al contrario ,la folla richiamata dal parco sta letteralmente devastando quella che era una bellissima remota valle.
ieri centinaia di persone affollavano il bar della soffia e dintorni.
MAI AVEVO VISTO UNA COSA SIMILE IN QUASI 30 ANNI(correva l'anno del signore 1988 quando venni a curiosare con il libro del sivelli "profonde gole"per la prima volta qua...)!!!!
strada piena di macchine ,parcheggio pieno.picnic ovunque, bracieri,moto,confusione,cartacce ,bottiglie ,lattine e plastica ovunque........una vera sagra paesana!!!!!!!!!!!!!!!senza nessuna festa però......non oso immaginare le condizioni dei cadini del Brenton!!
SAREMMO QUINDI NOI QUELLI CHE DANNEGGIANO LA VALLE DEL MIS E DEL CORDEVOLE????????????????????????????????oppure i tavoli da pic nic,il campeggio,e tutte le amenita' varie tipiche del "turismo sostenibile"sponsorizzate dall'ente parco?????



un saluto a tutti!!




6   U L T I M E    R I S P O S T E    (in alto le più recenti)
Giacomo92 Inserito il - 09 settembre 2016 : 15:04:07
michele ha scritto:

L'incontrovertibile dato statistico secondo cui la maggior parte degli incidenti avviene a persone che vanno in forra in gruppo è però dovuto soprattutto al fatto che la stragrande maggioranza della gente che va in forra ci va in gruppo. E' un dato, insomma, che preso da solo non dice nulla sulla maggiore o minore sicurezza delle solitarie.


Hai ragione, formulando così la mia frase ho espresso male il concetto. Non intendevo dimostrare che le solitarie sono più sicure dell'andare in gruppo, anzi sono convinto del contrario. Volevo mettere in evidenza che chi va da solo in genere non è uno sprovveduto che commette "un errore", come si potrebbe pensare. Qualche incidente in forra e grotta durante solitarie è sicuramente accaduto, e probabilmente accadrà in futuro, ma se ne sentono così raramente, se non quasi mai, da far pensare che chi si cimenta in una solitaria in genere sia ben preparato e sappia quello che sta facendo. È vero che di praticanti delle solitarie ce ne sono pochi, ma comunque ce ne sono, e se fossero davvero gente sprovveduta che commette un errore si sentirebbe parlare più spesso di incidenti a riguardo. (Ricordo che il mio discorso riguarda canyoning/speleologia e non altre attività come l'escursionismo, sul quale cronache di giornali o resoconti del soccorso mostrano tutto l'opposto.)

In sostanza ritengo le solitarie una sfumatura del torrentismo di grande valore sportivo, in merito alle quali sarebbe utile confrontarsi per discutere di tecniche più appropriate, gestione dei rischi e via dicendo, anziché relegarle a scomodo tabù. Il mio intervento a riguardo è nato da una piccola provocazione di david, la cui opinione sicuramente vale più della mia, visto che sono abbastanza nuovo nell'ambiente. Ma ci tenevo a dare un punto di vista diverso sul tema, anche se sono finito per farlo nel topic sbagliato.

Potrebbe esser peggio, potrebbe piovere!
michele Inserito il - 08 settembre 2016 : 13:54:41
Giacomo92 ha scritto:

Incidenti possono capitare a tutti, ma non penso sia un caso se la stragrande maggioranza di questi in forra avvengono a persone in compagnia, non da sole. Specialmente nei meno preparati l'illusione del gruppo potrebbe indurre ad esporsi inconsapevolmente a rischi molto più grandi di quelli che si affrontano in solitaria. Chi va da solo è meno propenso a mentire a sé stesso, il prezzo da pagare sarebbe più elevato.


In buona parte concordo. Nelle solitarie ci sono pro e contro.

PRO: è più difficile che avvenga un incidente, perché si è automaticamente più prudenti (si disarrampica di meno, si osa di meno nei singoli passaggi). Il gruppo dà sicurezza e crea un comportamento "di gruppo" al quale istintivamente si è portati a uniformarsi. Il gruppo non è la banale somma degli individui che lo compongono, e all'interno di un gruppo la personalità di ciascuno si adatta al gruppo stesso trovando un proprio ruolo.

CONTRO: è più facile che un incidente (qualora accada) abbia conseguenze gravi, perché non c'è nessuno a prestare soccorso.

PRO: andando da soli si evitano tutti i pericoli e i casini prodotti (eventualmente) dalle disattenzioni e dagli errori fatti dai compagni di squadra. Inoltre, nel momento in cui qualcuno si fa male è tutta la squadra a subirne le conseguenze, dovendo gestire una situazione di emergenza che, inevitabilmente, comporta l'assunzione di ulteriori rischi.

CONTRO: in gruppo ci si può aiutare nella progressione e superare più facilmente (a volte molto più facilmente) e con maggiore sicurezza i punti problematici.


L'incontrovertibile dato statistico secondo cui la maggior parte degli incidenti avviene a persone che vanno in forra in gruppo è però dovuto soprattutto al fatto che la stragrande maggioranza della gente che va in forra ci va in gruppo. E' un dato, insomma, che preso da solo non dice nulla sulla maggiore o minore sicurezza delle solitarie.

Michele
http://www.micheleangileri.com/canyoning
Giacomo92 Inserito il - 07 settembre 2016 : 01:26:46
Sulla questione del bivaccare in tenda non ho mai sollevato polemiche dirette nei confronti delle forestali, che come ho scritto sul topic della Soffia giustamente fanno il proprio lavoro. Ho introdotto un semplice spunto di riflessione sulla possibilità di distinguere il bivaccare dal campeggiare. Ma come dici tu la situazione nel Parco di fronte a un turismo sempre più aggressivo è questa, e dovrò adattarmi.

Non mi trovi affatto d'accordo invece col tuo secondo intervento. Mi dispiace dover constatare che nella comunità torrentistica ci siano persone (molte, probabilmente) che considerano l'andare da soli in forra "un errore", come scrivi tu. In questo noto un'affinità tra il mondo del canyoning e della speleologia: la tendenza a trattare la solitaria come un tabù, e i praticanti delle solitarie come sprovveduti o esaltati tutti presi dalle proprie "robinsonate" (per rubare un termine a Marx).
Per come la vedo io si tratta di un banale pregiudizio, una sorta di socialismo torrentistico che prende di mira chi esce dagli schemi e dalle regole del gruppo. Questo atteggiamento trascura il fatto che chi decide di affrontare una discesa da solo, lo fa in genere con la piena consapevolezza delle proprie capacità e dei propri limiti. Incidenti possono capitare a tutti, ma non penso sia un caso se la stragrande maggioranza di questi in forra avvengono a persone in compagnia, non da sole. Specialmente nei meno preparati l'illusione del gruppo potrebbe indurre ad esporsi inconsapevolmente a rischi molto più grandi di quelli che si affrontano in solitaria. Chi va da solo è meno propenso a mentire a sé stesso, il prezzo da pagare sarebbe più elevato.
Detto ciò non mi dilungo oltre, ognuno ovviamente può pensarla come vuole. Darò un mio contributo sul topic delle solitarie che era stato aperto tempo fa sul forum, qui ne ho parlato solo perché mi hai dato l'occasione tirando in ballo l'argomento.

Un saluto anche a te.

Potrebbe esser peggio, potrebbe piovere!
david Inserito il - 06 settembre 2016 : 19:45:42
se leggi bene non ho paragonato il comportamento irrispettoso a un incidente ma ho semplicemente descritto degli eventi che potrebbero
portare a un cambiamento di regime per i torrentisti.

in ogni caso e ,perdonami,per la mia pignoleria gli incidenti si verificano sostanzialmente perché è stato fatto qualcosa di sbagliato .dalla banale scivolata che ti tronca il malleolo al temibile flash flow...con esiti assai diversi ma sempre brutti.
una grande frequentazione per la legge dei grandi numeri aumenta la possibilità che qualche personaggio che non sa bene cosa sta facendo
faccia qualcosa che non deve fare anche se è sicuramente vero che l'errore lo possiamo fare tutti e in effetti lo si fa....
un esempio:andare in forra da solo......

non prenderlo come una nota polemica ma come una semplice notazione.
ognuno è poi libero di fare quello che vuole.....

chiedo scusa per la prolissa notazione e chiudo il becco in via definitiva....

un salutone a tutti e a te giacomo!!!









david Inserito il - 06 settembre 2016 : 19:23:43
il sottoscritto è abituato a dormire ovunque e spesso lo ha fatto in barba ai divieti ma questo non cambia il dato oggettivo e non mi giustifica se vengo pizzicato.

vista la presenza di cartelli che vietano il campeggio nel parco il comportamento di piantare la tenda è senza dubbio irrispettoso in quanto trasgredisce il divieto.
divieto,in questo caso,assolutamente motivato dal buon senso.
data la massa di frequentanti se ognuno pianta la tenda dove vuole i posti più adatti si trasformerebbero in un immondezzaio di fazzolettini,cacate,ecc.......cosa che già avviene.
un agente della forestale non è titolato a discriminare tra chi e rispettoso e chi non lo è(cosa d'altronde impossibile da fare in maniera oggettiva) ma deve fare applicare il divieto semplicemente.

quando eravampo tre gatti a conoscere la zona evidentemente il problema non si poneva ma ora che vi transitano migliaia di persone il discorso è veramente cambiato.
aggiungo che è presente un campeggio a poche centinaia di metri e quindi oltre che ad essere irrispettoso e pure irriverente nei confronti di chi è titolato per far campeggiare e ne trae guadagno.

avendolo già fatto non entro poi in merito sul perché di questa situazione.
ripeto ,la situazione è questa è il buon senso da parte dei torrentisti non deve mai mancare se vogliamo provare a mantenere fruibile ai nostri scopi il parco.

aggiungo anche ,per chi non lo sapesse ,che in realtà il confine del parco è assai irregolare e proseguendo lungo la strada che risale il mis a poche centinaia di metri ,dove la rui bianch getta nel mis il parco termina(ruderi di una vecchia osteria e piazzola con tavoli).
da lì in poi nessun forestale potrà contestare la vostra tenda ne lo farà......





e qui chiudo in via definitiva l'intervento.

un saluto a giacomo 92!!!

Giacomo92 Inserito il - 06 settembre 2016 : 15:38:11
Quindi piantare tende nel parco sarebbe da considerare a priori un atteggiamento "irrispettoso"? C'è una bella differenza tra bivaccare la notte in modo discreto piantando una tendina e campeggiare invece con tanto di musica, focolare, rifiuti vari abbandonati in loco e via dicendo. Come fanno d'altronde molti dei turisti attirati non certo dalla guida di Pascal ma dalla pubblicità promossa dal Parco stesso, che però fa di tutto per rendere difficile la vita al torrentista giunto da lontano e intenzionato a trascorrere la notte in una tendina (non lasciando alcuna traccia di sé).
Poi mettere sullo stesso piano un incidente con comportamenti irrispettosi e irriverenti...mah. Comunque non mi dilungo oltre, ne ho già parlato nel mio intervento sul topic della Soffia.

Potrebbe esser peggio, potrebbe piovere!

InfoCanyon by AIC © 2000-10 Snitz Communications Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,17 secondi. Herniasurgery.it | Snitz.it | Snitz Forums 2000